TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
URBIM - edilizia e urbanistica
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
 
direttore scientifico: Ing. Antonio Iovine   Print Page
CHI SIAMO AVVERTENZE REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI  
CERCA Ricerca
  • HOME
  • Notiziario
  • Docfa
  • ATTRIBUZIONE DELLA RENDITA CATASTALE CON PROCEDURA DOCFA: DEVE ESSERE TECNICAMENTE MOTIVATA LA DISCRASIA TRA RENDITA PROPOSTA E ATTRIBUITA

























ATTRIBUZIONE DELLA RENDITA CATASTALE CON PROCEDURA DOCFA: DEVE ESSERE TECNICAMENTE MOTIVATA LA DISCRASIA TRA RENDITA PROPOSTA E ATTRIBUITA

In tema di classamento di immobili, qualora l'attribuzione della rendita catastale avvenga a seguito della procedura disciplinata dal D.L. n. 16 del 1993, art. 2, convertito in L. n. 75 del 1993 e dal D.M. n. 701 del 1994 (cd. procedura DOCFA), l'obbligo di motivazione dell'avviso di classamento è soddisfatto con la mera indicazione dei dati oggettivi e della classe attribuita solo se gli elementi di fatto indicati dal contribuente non siano stati disattesi dall'Ufficio e l'eventuale discrasia tra rendita proposta e rendita attribuita derivi da una valutazione tecnica sul valore economico dei beni classati, mentre, in caso contrario, la motivazione dovrà essere più approfondita e specificare le differenze riscontrate sia per consentire il pieno esercizio del diritto di difesa del contribuente sia per delimitare l'oggetto dell'eventuale contenzioso.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

LOGIN
Email:
Password:
Ricorda i miei dati