TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
URBIM - edilizia e urbanistica
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
 
direttore scientifico: Ing. Antonio Iovine   Print Page
CHI SIAMO AVVERTENZE REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI  
CERCA Ricerca



























ANDAMENTO MERCATO IMMOBILIARE NEL IV TRIMESTRE 2013

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il report periodico sull'andamento del mercato immobiliare nel IV. Numero compravendite e valori ancora in calo.



Il mercato immobiliare italiano nel IV trimestre 2013 presenta ancora un segno negativo, con un calo
complessivo pari a -7,5%. Il tasso tendenziale delle compravendite risulta pertanto nuovamente regredire (-6,6% il calo registrato nel III trimestre 2013). Quanto riscontrato, tuttavia, dipende in parte dagli effetti che ha avuto sul mercato l’entrata in vigore, il 1° gennaio 2014, del nuovo regime delle imposte di registro, ipotecaria e catastale applicabile agli atti di trasferimento a titolo oneroso di diritti reali immobiliari.
A partire da tale data, infatti, per la generalità dei trasferimenti immobiliari, la nuova disciplina risulta
normalmente più vantaggiosa e deve avere, per questo, indotto gli acquirenti a traslare la stipula degli atti di compravendita al 2014. In particolare, sulla base dei primi dati provvisori, disponibili alla data di
pubblicazione della presente nota, il tasso di variazione tendenziale del periodo ottobre 2013-gennaio 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ottobre 2012-gennaio 2013, risulta per il totale delle unità immobiliari compravendute pari a -5,3%
Tra le grandi città, nel II semestre 2013, le quotazioni medie più elevate, oltre 3.000 €/m2, si registrano a Roma, Bologna, e Firenze seguite a breve distanza da Milano. Nelle città di Bari, Palermo e Catania, si registrano le quotazioni più basse. Rispetto al semestre precedente si riscontrano cali delle quotazioni medie ovunque. Torino, Genova e Napoli presentano le flessioni maggiori; più lievi sono invece i cali nelle città di Verona, -0,2%, Venezia, -0,4% e Milano, -0,5%.
.





Fonte:  Agenzia delle Entrate



Vai a : 

LOGIN
Email:
Password:
Ricorda i miei dati